.

Un genitore scrive...

Vota questo articolo
(1 Vota)
Scritto da  | Pubblicato in: Contributi

Prendiamo dal blog di Mauro Berruto ( ex ct della nazionale maschile) una lettera di una mamma , mi sembra molto attinente ai temi che molti di noi abbiamo e stiamo affrontamdo.

"Gent.le Sig. Berruto, sono la mamma di un ragazzina che attualmente gioca in una piccola ma dignitosa squadra di pallavolo di provincia…e mi piacerebbe raccontarle una fotografia. Porti pazienza inizio così poi spero di raccontarle il senso di questa lettera. La foto è fatta in una piccola ma dignitosa palestra di paese…sullo sfondo ci sono tutti gli sponsor che hanno nomi di fabbriche o realtà produttive locali ma che a guardarli bene si intravedono dei visi…il viso della signora della gelateria che conosce tutti i bambini del paese per nome, del negoziante di scarpe “trendy” dove i ragazzi si comprano le scarpe per giocare, del personale della pizzeria che oltre a essere sponsor fa lo sconto ai giocatori e così via… in primo piano c’è una quindicina di ragazzine, un under 14 femminile, sono sorridenti ed emozionate… qualcuna acciughina, qualcuna più massiccia, qualcuna con i brufoli, tutte con la maglietta bianco-verde e pantaloncini neri, anche i calzini sono tutti uguali perché qualche mamma ne ha comprati per tutte. In questo piccolo gruppo ci sono storie ed origini molto diverse che si sono potute incontrare grazie ad un campo di pallavolo. Ci sono gli allenatori e il dirigente che è anche genitore di una di queste ragazzine. Io sono la mamma di una di queste. Questa piccola squadra ha avuto storie di arrivi e di partenze, alcune di loro dopo aver iniziato qui se ne sono andate da altre parti per poter giocare e vincere. Altre sono rimaste. Non sono qua per giudicare se questo è bene o se è male, ma per raccontarle perché noi abbiamo scelto di restare… alcuni di noi genitori si sono chiesti che cosa ci aspettavamo da noi stessi, dalle nostre figlie, da questa squadra e da questo sport. Abbiamo sentito che all’interno di questa squadra c’eravamo anche noi adulti, chi in modo più attivo, chi più critico, chi in modo sempre accomodante…e le nostre figlie un po’ ci assomigliavano. Con loro abbiamo resistito l’anno scorso quando abbiamo vinto una sola partita in tutto l’anno, (quest’anno ne abbiamo già vinte due!!)…con loro abbiamo gioito dagli spalti per un buon passaggio anche se poi non facevano punto…le abbiamo sostenute e accompagnate nella sconfitta mostrando loro anche altri significati del giocare insieme… rimandandogli l’impegno che ci mettevano nel crescere come giocatrici, la gioia che provavano nell’incontrarsi nei tre allenamenti settimanali, la loro capacità di incastrare questi con le esigenze della scuola, il superare le diversità anche di carattere per poi ritrovarsi in partita e perdonarsi gli errori o gioire per chi e con chi fa punto. Ecco il senso di questa foto, quello che mi arriva da questa immagine è il sentire che come genitori stiamo allenando le nostre ragazze alla vita e questo ci è permesso anche grazie ad una piccola ma dignitosa squadra di pallavolo. Mi sono permessa di raccontarle questo perché ritengo importante offrire ai nostri ragazzi opportunità di meta-letture, di riflessioni sui contenuti e sui processi presenti nelle cose che fanno nella loro vita e ritrovo in lei questo tipo di capacità su piani di grande responsabilità nell’ambito sportivo…e questo ritengo sia un modo di essere adulti che fa bene a chi si sta strutturando evolutivamente perché i ragazzi possono introiettare buoni modi di diventare grandi e di rapportarsi con l’impegno personale, la fatica e con modi sani di diventare visibili agli altri. Come genitore e come professionista nell’ambito del sociale sento di avere una responsabilità nel proporre letture diversificate in modo che loro possano scegliere avendo strumenti allenati al sentire, al vedere, al riflettere, al guardare oltre la vittoria o alla sconfitta. Al guardare la vittoria o la sconfitta come uno sfondo all’interno del quale loro sono in primo piano. La ringrazio della disponibilità nel leggere questa mia mail che voleva essere anche un ringraziamento alla Pallavolo come luogo del crescere. Le auguro Buone Feste, Oriana Franceschin "

{jcomments on}

 

Letto 13652 volte
Ultima modifica il Lunedì, 06 Gennaio 2014 17:42
Devi effettuare il login per inviare commenti

Viva Volley Asd Prato

sede: Via Pistoiese 502 - Prato

www.vivavolley.net 

palestre Narnali circolo Grassi - Iolo via Polla

Menu Redattore

Login Form